Cerca nel blog

venerdì 22 marzo 2013

Eleonora di Toledo e il suo anello





Donna volitiva e sicura di se', Eleonora, figlia del vicerè di Napoli, andò sposa al duca Cosimo I de Medici il 29 marzo 1539. Amatissima dal marito secondo i contemporanei aveva un carattere irritabile e poco incline alla dolcezza. Consapevole della sua bellezza aveva un'autentica passione per i gioielli e gli abiti sfarzosi, era inoltre amante del gioco e delle scommesse. Partorì ben 11 figli alcuni dei quali morirono senza aver compiuto i vent'anni. Questo ritratto fatto da Agnolo Bronzino nel 1543 e conservato a Praga la ritrae, all'età di 24 anni e già madre di quattro figli, con un magnifico abito cremisi ricamato d'oro e impreziosito da perle. Al dito mignolo della mano destra, che è posta sotto il seno a simboleggiare la fedeltà coniugale, Eleonora porta un piccolo anello che è giunto fino a noi perchè ritrovato nella sua tomba durante la ricognizione ottocentesca nelle Cappelle Medicee. L'anello in oro ha una pietra incisa con una singolare iconografia: al centro un uccello dalle lunghe zampe posto sopra una sorta di piedistallo e affiancato da due cornucopie, in basso due mani che si stringono. Le incisioni rimandano all'abbondanza, alla fertilità, alla fedeltà per la presenza delle due cornucopie e delle mani strette "in fede".